Nasce il Collettivo Medico Bergamasco

infermiera

Dopo mesi di confronto e assemblee, abbiamo deciso di uscire pubblicamente. Siamo un gruppo eterogeneo di persone che, chi per lavoro chi per interesse, si interfaccia quotidianamente con problematiche di tipo medico e sociale. Siamo fermamente convinti che tutte le persone abbiano dei Diritti inalienabili, tra cui quello alla Salute, e che sia compito delle Istituzioni garantirli. Siamo però consapevoli che questo non sempre avviene.

Come prima cosa vogliamo arrivare là dove non arriva chi dovrebbe, per assicurare il diritto ad avere accesso alle cure di base. Carte e leggi alla mano daremo la possibilità alle persone di far valere i propri diritti in materia di sanità pubblica. Nelle date indicate ci potete trovare presso la Torre Anna 1, Corso Europa, Ciserano.

Ci proponiamo inoltre come punto di riferimento per la costruzione di un’informazione diversa, mirata al reale coinvolgimento dei soggetti, per diventare luogo di auto-organizzazione dei bisogni reali;

Attualmente siamo alla ricerca di un ulteriore spazio dove praticare un’idea differente di diritto alla salute, per poter coniugare un’attività concreta di intervento sanitario (ambulatorio medico, fisioterapico, ostetrico-ginecologico) al di fuori della Torre Anna 1, per essere più a contatto con la realtà di Zingonia.

Nasciamo con l’obiettivo di scioglierci quando chi di dovere assicurerà a tutti pari diritti e opportunità; nasciamo per arrivare là dove non arriva chi dovrebbe; nasciamo perché siamo convinti che il Diritto alla Salute, laddove negato, non sia solo una legittima pretesa ma un terreno di lotta verso la giustizia sociale.

Leggi il documento che che abbiamo elaborato

Siamo alla ricerca di medici e persone che possano dedicare parte del loro tempo al progetto. Se siete interessati o semplicemente curiosi scrivete acollettivomedicobg@inventati.org

Iniziative per il mese di Aprile:

Sabato 4 Aprile @ Kascina Autogestita Popolare h20 cena di autofinanziamento + presentazione progetto + incontro con i/le compagn* di Ambulatorio Medico Popolare Milano
prenotazioni a: kap@inventati.org

Sabato 11 Aprile @ Torre Anna 1, Corso Europa, Ciserano: Sportello Medico

Sabato 18 Aprile @ Torre Anna 1, Corso Europa, Ciserano: Sportello Medico

Giovedì  23 Aprile @ Pacì Paciana: aperitivo di autofinanziamento

Sulla giustizia, sul rumore dell’indignazione e su quello che vi assorderà.

Husseini murales

24 gennaio 2015, a Cremona si danno appuntamento quasi 10000 antifascisti da tutta italia, l’occasione è doverosa quanto dolorosa, domenica scorsa 60 fascisti appartenenti a Casapound hanno assaltato il csa Dordoni riducendo in fin di vita un compagno che ora lotta per la vita. Il corteo si pone l’obbiettivo di chiudere la sede cittadina dei fascisti, già responsabili di aggressioni e di intimidazioni che, oramai dovrebbe essere chiaro, sono diventate un reale pericolo. La polizia dispiega il suo consueto dispositivo repressivo a difesa della suddetta sede impedendo di fatto lo svolgersi del corteo.
La rabbia dilaga, si tenta più volte di praticare l’obbiettivo, non ci si arrende e si resiste, alla fine della battaglia i lacrimogeni sparati saranno stati oltre 460, la sede non viene raggiunta. Sul ritorno vengono prese di mira banche e finanziarie, sistematicamente sanzionate.

27 gennaio 2015, a Torino si tiene il maxi processo in cui sono chiamati a giudizio attivisti No Tav per i fatti del 27 giugno e del 2 luglio 2011, quando un popolo intero decise di fare resistenza attiva per difendere la loro terra e le loro vite, contro chi vorrebbe depredarle e distruggerle.
Il risultato sono 142 anni e 7 mesi di condanne, per 47 imputati, 6 assoluzioni e 150 mila euro da pagare.

Due episodi che qualcuno potrebbe considerare slegati o al massimo accomunati da una qualche specie di background culturale, magari quello dell’antagonismo e dei centri sociali dipinto dai telegiornali: quelli degli scontri intorno al cantiere e dei cortei in cui si bruciano le macchine e (per l’appunto) si spaccano le vetrine.

Vogliamo invece tentare un collegamento diverso, creare un legame logico “altro”.

Proviamoci partendo dalle reazioni di quelli che giudicano e poi sentenziano, non solo in televisione o sui giornali, ma anche quelli che emettono giudizi che poi schiacciano ed opprimono intere esistenze, nelle procure e nei tribunali. Abbiamo da una parte l’opinione pubblica e dall’altra la giustizia. Due categorie basilari della società contemporanea, considerate in questo frangente come istituzioni che emettono sentenze, sentenziano in senso sia stretto che figurato.

Ritornando ai fatti, a Cremona la città vive sulla sua pelle di cemento e vetro l’inasprirsi del conflitto sociale, la solitamente tranquilla e dormiente aria di provincia viene sostituita dall’odore acre e soffocante del cs. Si verificano episodi di violenza contro i luoghi simbolo del capitalismo, le banche vengono attaccate e le vetrine infrante. Pratica vecchia, decisamente obsoleta, purtroppo attuale in periodi di crisi economica (crisi oramai definitivamente portata a status permanente), certo non risolutiva in senso stretto, ma pur sempre una pratica che quantomeno riconosce ed identifica un nemico nell’atto stesso del suo esercitarsi.

 Un piccolo risultato per tanto rumore, rumore che non tarda a farsi assordante.

Il giorno dopo i giornali locali e non solo denunciano una vero e proprio sacco di Cremona, la società civile si indigna si dissocia, si alza e abbandona la sala senza gran dignità.
Tutti chiedono giustizia, qualcuno deve pagare. Si additano i soliti centri sociali (per non parlare dei B.B.), il giudizio su chi è il colpevole è inappellabile e la sentenza non è scritta ma è stata emessa.

Ieri c’è stato invece un’altro processo, quello di Torino, è stata emessa un’altra sentenza, questa volta scritta e fin troppo chiara. 47 attivisti no tav vengono condannati a 142 anni di reclusione per la loro partecipazione alla resistenza in Val di Susa contro l’opera che la vuole distruggere: il Tav.

Qua è bene fare un piccolo approfondimento, cosè una grande opera inutile e dannosa?
Il nome stesso ce lo dice, è una enorme (sia nella sua estensione materiale sia nelle sue ricadute) operazione (fisica ma anche finanziaria e speculativa) completamente inutile (nel suo non essere in nessuna forma necessaria alla società che la dovrà ospitare) e sopratutto dannosa (perché divora e depreda risorse che dovrebbero essere destinate alla società, alla sopravvivenza degli individui verrebbe da dire). Questo è il tav, o l’expo di milano o la brebemi, privazione di risorse della collettività a favore di pochi (tra quei pochi le banche di cui sopra).
Un discorso astratto, ma se ci si ferma a rifletterci, terribilmente reale.

Diventa allora evidente come sia ipocrita e semplicistico scagliarsi contro la pratica così materiale e visibile (quindi facilmente attaccabile) delle vetrine rotte, molto meno facile farlo quando si parla di speculazioni, di operazioni che ci privano di un futuro e ci condannano ad esistenze precarie. E lo fanno violentemente, con la violenza della giustizia vendicativa dello stato, che strappa persone alla loro vita e le chiude in una cella.

42 persone per 142 anni.

Sono passate più di 24 ore dalla sentenza, stiamo ancora aspettando che monti l’indignazione per questa violenza, che inizi il rumore.

Anzi no, noi non siamo gente che aspetta, ci sentirete arrivare.

Solidarietà al csa Dordoni, solidarietà ai condannati del maxiprocesso No Tav, senza nessun rimorso, con tanta complicità.

Csa Pacì Paciana

ATTACCO SQUADRISTA AL CSA DORDONI

10941371_1427139657576779_5292832371876567410_n

Ieri sera una sessantina di fascisti hanno aggredito il Centro Sociale Dordoni di Cremona. All’interno della struttura erano presenti una decina compagni che hanno cercato di resistere all’attacco e difendere il posto. Durante i pesanti scontri, Emilio, un militante del centro, ha avuto la peggio: colpito ripetutamente alla testa con spranghe e bastoni, nonostante fosse caduto a terra privo di sensi, ora si trova presso l’ospedale cittadino in gravissime condizioni.

In primo luogo ci stringiamo in un abbraccio simbolico a Emilio, a chi gli è stato vicino in quei momenti e a tutt* i/le compagn* del csa Dordoni.

Nella speranza di rincontrarci sulle strade e lottare assieme, Emilio Resisti!

Su quanto accaduto ieri, invece, si stanno già scatenando i soliti pennivendoli. Su alcuni siti dei principali quotidiani e organi di informazione, infatti, la grave aggressione viene fatta passare come “una rissa tra teppisti”, ma i fatti sono chiari e inequivocabili.

In breve: ieri, verso le 18.30, dopo la partita di LegaPro Mantova-Cremonese, una sessantina di fascisti provenienti dalla provincia di Cremona, Brescia e Parma, si sono organizzati per attaccare il centro sociale, posto nelle vicinanze dello stadio. Inizialmente si è fatto avanti un primo gruppo, poi, alla risposta dei compagni, è sopraggiunto il grosso della compagnia.

Non si può parlare di rissa, ma di attacco lucido e premeditato.

Non è la prima volta che un fatto del genere si verifica a Cremona; già a fine novembre quindici volti noti della sezione locale di CasaPound avevano aggredito quattro militanti del Dordoni, ma fortunatamente quella volta non era successo nulla di grave.

Quello che è successo ieri, quindi, non è un episodio isolato, ma va inserito in un più ampio progetto da parte di chi, non avendo progetti politici e presa sul territorio, cerca di aggredire e reprimere con la violenza tutti coloro che lottano, propongono contenuti e pratiche innovative per contrastare la difficile situazione socio-politica che stiamo vivendo.

Non passa inosservato il comunicato di CasaPound, che giustifica l’accaduto e protegge i propri militanti, fornendo spiegazioni del tutto fasulle; a loro parere sarebbero stati i ragazzi del centro sociale Dordoni ad aggredire i camerati.

Queste dichiarazioni e la disinformazione a cui dobbiamo assistere costituiscono elementi pericolosi che non fanno altro che proteggere questi soggetti, facendo passare per “teppistelli” chi invece organizza e pianifica un attacco come quello che è andato in scena ieri. Quelli che hanno aggredito i compagni cremonesi e hanno ridotto in fin di vita Emilio non sono dei nostalgici sbandati, sono gli stessi che il 18 Ottobre a Milano scendevano in piazza di fianco alla Lega Nord per gridare “Viva l’Italia e stop immigrazione”, gli stessi che il 28 Novembre a Roma bloccavano l’ingresso a scuola di bambini Rom, gli stessi che si presentano nei salotti televisivi in giacca e cravatta, ma che una volta spenti i riflettori  non esitano a togliere dall’armadio la camicia nera e a organizzare attacchi squadristi.

Noi dobbiamo continuare a smascherare i molteplici volti del fascismo, fermarne i rigurgiti e rispedire nelle fogne da cui sono venuti coloro che ieri hanno attaccato e colpito i compagni del csa Dordoni.

Con il cuore e la mente al fianco di Emilio,

Invitiamo tutt* alla manifestazione nazionale antifascista di Sabato 24 Gennaio a Cremona!

csa Pacì Paciana
Kollettivo Autonomo Popolare
Bergamo Antifa United
Comitato Rompiamo il Silenzio Bergamo

 

COMUNICATO SUL #14N A BERGAMO E LA GOGNA MEDIATICA CHE NE È SEGUITA

Corteo No Jobs Act #14N Bergamo

Abbiamo letto di tutto in questi giorni sui giornali. Articoli e dichiarazioni che parlano di violenza. Di soliti noti. Di centri sociali. Di antagonisti e simili. Abbiamo assistito ancora una volta al tentativo di alcuni poteri forti di questa città (partiti, sindacati confederali e giornali) di confinare il malessere delle fasce sociali più deboli, che hanno deciso di non subire silenziose gli effetti della crisi, dietro etichette preconfezionate sviando l’attenzione dai contenuti alla forma.

Denunciamo le misure socialmente devastanti che la Troika ci impone e il governo Renzi applica senza batter ciglio. Denunciamo il Jobs Act che ci rende ricattabili e precari a vita, denunciamo il Piano Casa che non risolve ma peggiora l’emergenza abitativa, denunciamo la Buona Scuola che continua il percorso di privatizzazione dei saperi, denunciamo lo Sblocca Italia che devasta i territori di tutti per il mero profitto di pochi, denunciamo EXPO che porta debito-cemento-precarietà ed è un laboratorio in cui sperimentare le politiche di svilimento dei lavoratori ed esportarle su tutto il territorio.

Denunciamo le vere violenze e non trovate altri argomenti se non darci dei teppisti per due uova e quattro fumogeni. Oggi, ribadiamo che venerdì 14 novembre c’eravamo tutti. Tutti e tutte abbiamo lanciato le uova. Tutti e tutte abbiamo deciso di cambiare percorso per manifestare il nostro dissenso a un sindacato che invece di stare dalla parte dei lavoratori sta sempre più spesso dalla parte dei padroni e del capitale. Tutti e tutte abbiamo occupato la sede del PD per opporci a un Piano Casa che ancora una volta non risolve l’emergenza abitativa ma criminalizza chi già ha perso tutto. Tutti e tutte abbiamo preso a pallonate Banca Intesa che finanzia e specula attraverso EXPO devastando i territori e sperperando soldi pubblici. Tutti e tutte abbiamo manifestato contro un’idea di scuola-azienda che invece di formare coscienze critiche cerca di formare soldatini funzionali ad un sistema malato. Tutti e tutte abbiamo voluto ricordare che l’art.18, sebbene riguardi una platea ristretta di lavoratori, oggi rappresenta, molte volte, l’unico modo per difendersi da licenziamenti ingiustificati che mascherano omotransfobia.
Sì, c’eravamo tutti, tutti gli studenti, tutti i lavoratori più o meno precari, tutti i migranti, tutti i senza casa, tutti. Quei tutti che rimandano al mittente l’appellativo di violenti, perché è violento chi, come la Lega, specula sulla pelle dei profughi predicando odio, è violento chi, come il PD, predica di interessarsi all’emergenza abitativa applicando discrezionalmente una legge che nega medico di base e scuola a chi si organizza per supplire alla latitanza delle istituzioni, è violento chi, come Unione Industriali – maggior beneficiario del Jobs Act – non fa investimenti sostenibili sul territorio ma delocalizza dove è più facile sfruttare, è violento chi, come la CGIL, non si oppone alla precarietà e firma accordi con altri sindacati per mandare in soffitta il conflitto a favore di una concertazione che gli assicura poltrone. L’accordo suggellato con Gori che toglie la possibilità di scioperare nel 2015 in vista di Expo e in nome di flessibilità e mobilità (leggasi sfruttamento) ne è l’ennesima prova.

Questi sono i veri violenti, non i cittadini che esausti si auto-organizzano e manifestano il conflitto sociale.

Assemblea per l’organizzazione dello Sciopero Sociale

 

 

GLI SCIACALLI: DA FORZA NUOVA ALLA LEGA NORD

Black-backed-

La scorsa settimana, precisamente nella giornata di Sabato 18 Ottobre, varie piazze italiane hanno assistito alla discesa in strada di formazioni xenofobe, autoritarie, neofasciste, unite nell’obiettivo comune del contrasto all’immigrazione. Lo abbiamo visto nella nostra città con Forza Nuova, presente anche in contemporanea a Napoli, Ancona e Bologna, ancora più evidente è stato a Milano, dove la Lega Nord ha lanciato la sua campagna contro la cosiddetta “invasione” dei migranti.

Non è un caso che le due manifestazioni avvengano lo stesso giorno e abbiano lo stesso tema. Entrambe aspirano a strumentalizzare le devastazioni prodotte dalla crisi, raccogliendo consensi grazie alla costruzione di un nemico, il migrante, che può essere facilmente tacciato di tutti i mali possibili, prestandosi perfettamente come valvola di sfogo per una società al collasso. Peccato per Forza Nuova dato che il tentativo di scendere in piazza per rilanciare un movimento oramai alla canna del gas, sia per la cronica mancanza di fondi che per la continua emorragia di militanti, sia stato un plateale fallimento; infatti le iniziative forzanoviste hanno complessivamente portato in strada poche centinaia di persone a livello nazionale, sempre e comunque assediate dalle mobilitazioni antifasciste.Per fare un esempio della débâcle del partito di Fiore, consigliamo la visione di questo video sulla mobilitazione di Ancona, dove i forzanovisti, pressati dalla presenza antifascista, vengono guidati in corteo dai dirigenti della digos.

Fatta la naturale premessa che ogni forma di fascismo va contrastata con ogni mezzo necessario, non si può prescindere dall’analisi politica che porta inevitabilmente a sottolineare la marginalità di un soggetto politico come Forza Nuova, di cui prevediamo la naturale scomparsa nei prossimi mesi. Al contrario la calata della Lega Nord a Milano rivela un dato sicuramente più interessante; al netto di una Piazza Duomo gremita dei soliti Soli delle Alpi, elmi vichinghi e ciarpameria verde, il dato politico rilevante è la prima prova tecnica della lega modellata dal nuovo leader Matteo Salvini.

Come avevamo avuto modo di indicare in precedenza ciò che rimane del partito dell’ex Senatur sta subendo una modifica radicale da parte del rottamatore Salvini. Sono spariti i riferimenti secessionisti, ed è al contrario evidente un richiamo ad un nazionalismo che si fonda sull’antieuropeismo e sul contrasto all’immigrazione. Esemplificativo è il logo che contiene le parole d’ordine del corteo, “Stop invasione” in caratteri cubitali bianchi su sfondo rosso, senza alcun riferimento che rimandi alla simbologia leghista, persino abbandonando il tanto amato e rappresentativo verde padano.

StopImmigrazione 18ottobre

Il tutto per poter creare un cartello che possa contenere anche chi con la lega non ha nulla da spartire se non è addirittura in aperto contrasto, un ricettacolo di tante formazioni di estrema destra che trovano all’interno di questo soggetto nazionale lo spazio per poter cavalcare la crisi in senso xenofobo e autoritario. Anche Fratelli d’Italia, non presente alla manifestazione di Milano, ma presente lo stesso giorno a Reggio Calabria per protestare contro l’operazione Mare Nostrum, utilizza le stesse parole d’ordine e una simbologia molto simile, probabilmente più per tacita alleanza che per velleità concorrenziali.

Le contraddizioni rimangono comunque evidenti ed esplosive anche in piazza; striscioni secessionisti a fianco di quelli sul primato nazionale (ovviamente italiano), l’inno di Mameli stonato da La Russa a fianco dei seccessionisti veneti, Roma ladrona versus l’Italia agli italiani. Nonostante le differenze nulla toglie che di fronte ad un potenziale successo elettorale, anche i più rissosi partiti di estrema destra potrebbero ritornare a più miti consigli in cambio di una poltrona in parlamento.

Vedremo nel prossimo futuro come Salvini sarà in grado di portare a compimento un progetto che si ispira apertamente al Front National di Marine Le Pen, anche in virtù degli ultimi successi: solo il mese scorso il Front National ha portato per la prima volta in senato due suoi membri, risultando così presente in tutti gli organismi rappresentativi della Repubblica Francese, cosa mai successa dal 1972, anno della sua fondazione.

Il format è noto: un cartello elettorale composto da imprenditori della paura, in grado di instillare terrore montando casi ad arte, dall’ebola importata in Italia ai rom che rubano i bambini, dalla pressione fiscale agli inesistenti sussidi per clandestini, etc. etc. Il passo successivo è quello di raccogliere malumori e consensi presentandosi come gli unici depositari delle soluzioni semplici in contrasto con il disinteresse delle istituzioni nei confronti di ciò che sente la gente, ovviamente ciò che loro dicono che la gente prova. Dire “no euro”, “no immigrati”, “lavoro agli italiani” è facile e premia nelle urne in tempi di crisi. Lo sa benissimo anche un politico-comico come Beppe Grillo molto attento ai sondaggi, che pochi giorni dopo il corteo di Milano tuona contro i clandestini sul suo blog per recuperare subito il terreno perduto.

La nascita di un nuovo soggetto “Le pen-ista” produce infatti una narrazione tossica e infestante in grado di schiacciare nell’immediato futuro PD e M5S sulle posizioni della Lega-Front National, in un inseguimento di un elettorato attirato dalle parole di odio e da promesse di rivalsa. È chiaro che chi cerchi una via di uscita alternativa alla crisi, che non passi per l’austerity e la speculazione, non possa che vedere questi affamati sciacalli come pericolosi al pari di un Renzi, di una Merkel o di un Draghi.

Di fronte a tutto ciò non è possibile opporsi alla Lega-Front National incartandosi unicamente su di un fronte antirazzista, i tempi sono cambiati e la Lega che abbiamo di fronte non è evidentemente quella dell’ampolla con l’acqua del Po, ma neanche quella del periodo istituzionale a Roma, della Bossi-Fini e del no islam; è una formazione che si inserisce a gamba tesa nella crisi per lucrare sulla razzia sociale che le misure di austerity e la speculazione stanno producendo. L’intento non è fermare queste ultime, ma gestirle e aumentarle, con la garanzia che le popolazioni devastate dalla crisi saranno troppo impegnate a cercare rivalsa altrove, contro i migranti, gli ancora più poveri, gli esclusi perdendo di vista la situazione nell’insieme.

Non è un problema di razzismo, è un problema di classe.

Di chi gli sfruttati li vuole gli uni contro gli altri.

Le contraddizioni raggiungono livelli ancora più assurdi e ci si rende conto che il gioco è sempre più sporco quando si riscontra che, a fianco di una linea xenofoba giocata sul deprimente adagio “ci rubano il lavoro”, la Lega siede a capo dell’esposizione universale EXPO 2015, contribuendo in maniera decisiva allo scempio che sta avvenendo sul fronte dei contratti di lavoro che nascono nel laboratorio Expo per poi ricadere su tutto il sistema lavorativo italiano.

Ma non basta, Maroni è già sotto inchiesta per induzione indebita, un avviso di garanzia per i dubbi che destano due assunzioni a tempo determinato che lo vedono coinvolto. Si parla di stipendi da 5000 euro al mese mentre per portare avanti la macchina mostruosa ci si vuole avvalere solo di volontari e precari. La Lega parla di una gestione delle risorse rivolta agli italiani e sempre con Maroni porta avanti le opere complementari ad Expo (Pedemontana, Brebemi, Teem) nelle quali, dietro all’ennesimo inglesismo (“Project Financing“), si nasconde un business per banche e privati.

Chi è il criminale?

Chi porta via il lavoro?

Il migrante che mette a disposizione la propria forza lavoro o il presidente leghista della regione Lombardia che specula sull’esposizione universale e vuole che lavoriamo gratis per lui?

É dunque necessario smontare il gioco della Lega-Front National, sia nell’evidenza della sua doppia faccia con un Salvini attento al territorio e alla “povera gente” al fianco di un Maroni speculatore e devastatore tramite Expo, sia nella produzione di modelli e alternative reali che sappiano fornire una reale soluzione alla crisi superando il sistema capitalista.